Il dramma di Genova

Le cause sono note da tempo e le responsabilità molto gravi: malgoverno del territorio, urbanizzazione selvaggia, cambiamenti climatici, nessuna prevenzione, costruzioni sul greto dei corsi d’acqua, abbandono dell’agricoltura e, non da ultimo per importanza, troppi e inopportuni condoni edilizi. Tuttavia, gli avvenimenti di dieci giorni fa nella Liguria orientale e nell’alta Toscana, comprensibilmente, possono anche aver colto di sorpresa: si badi bene, non si vuol giustificare, ma solo cercare di capire.

Quel che è accaduto ieri a Genova, però, non è comprensibile, nè ammissibile. Erano previste violente precipitazioni già da quattro o cinque giorni (una “bomba d’acqua”, come dicono i tecnici), vi era la certezza che le infrastrutture di drenaggio non avrebbero potuto reggere un simile impatto, non occorrevano doti divinatorie per sospettare che alcune zone sarebbero state sommerse dalle acque e invase con forza da fango e detriti, da auto in sosta. Eppure, non è stata presa alcuna iniziativa (né a livello locale, né centrale) per scongiurare o, quanto meno, limitare i danni, se non un generico invito ai cittadini di stare attenti: scuole regolarmente aperte, uffici e servizi pubblici funzionanti, mezzi di trasporto privati e collettivi in piena attività, cittadini costretti a uscire di casa per obblighi di studio o di lavoro e per soddisfare le normali necessità quotidiane. Una città assolutamente impreparata e una comunità lasciata in balìa degli eventi, da tutto e da tutti. L’esondazione di un torrente, seppure repentina, non è un colpo di fucile che parte all’improvviso, non è un fulmine a ciel sereno, e nemmeno una imprevedibile scossa di terremoto. E’ un fenomeno pronosticabile in tempo utile, per quanto limitato, per porre in salvo tutti i cittadini, anche con interventi autoritativi di ordine pubblico. Sarebbe bastato impiegare solo un decimo delle energie e delle capacità spiegate in occasione del G8 di dieci anni fa, per evitare l’assurda morte di incolpevoli e fragili esseri umani. Ma, forse, la vita di alcuni cittadini di Genova è ben poca cosa rispetto alla sicurezza del grandi del pianeta.

Annunci

Informazioni su depretore

freeman
Questa voce è stata pubblicata in Politica e società. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...