Finalmente, era ora.

Possono ben essere sfuggiti alcuni interventi, o ne possono essere stati sottovalutati altri; magari la questione si era già intuita, benché con poca consapevolezza da parte di tanti. Alla fine, però, qualcuno ha iniziato a porsi quello che è il vero interrogativo.

Fino a che punto le regole vigenti nell’economia mondiale sono tuttora compatibili con l’esercizio della democrazia? La domanda è più che legittima, vista la reazione di panico con cui i mercati finanziari, e insieme a loro tanti leader politici nonché le principali istituzioni monetarie, hanno condannato la decisione del governo greco di convocare un referendum sulle ricette amare prescritte dall’Unione europea.
(Gad Lerner, Repubblica giovedì 3 novembre 2011)

A questo punto, bisognerebbe andare oltre e chiedersi anche fino a che punto i “legittimi diritti di democrazia” siano compatibili con il modello di sviluppo dominante, con lo sfruttamento incontrollato e illogico del pianeta, con l’assoggettamento di interi popoli a nuove forme di schiavitù, con la eliminazione fisica di essere umani per fame e malattie e con il predominio incontrastato della logica mercantile, che non lascia spazio alcuno alla solidarietà e alla giustizia sociale.

Annunci

Informazioni su depretore

freeman
Questa voce è stata pubblicata in Politica e società. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...