Per proseguire

Innanzitutto, una doverosa precisazione. Il titolo del blog è costituito da due parole di senso comune, nella loro accezione normalmente conosciuta e  (come vedremo, almeno all’apparenza) quasi scontata. Due parole addirittura a volte abusate e, comunque, patrimonio del linguaggio  (quasi)  di tutti. Le stesse parole però, seppure invertite nella loro posizione, identificano anche una prestigiosa rivista specializzata, di grande spessore culturale, che pubblica i migliori contributi da parte di eminenti studiosi italiani e stranieri, nel campo delle scienze giuridiche, di “politica” del diritto, di filosofia del diritto e, in genere, delle discipline  che si occupano della “organizzazione” della società. E’ solo una coincidenza dovuta all’uso degli stessi termini,  dei quali ovviamente nessuno può sentirsi unico depositario; e niente altro. Tutt’al più, una citazione colta.

Il blog non intende rivolgersi agli esperti (che lo troverebbero forse banale): non ha velleità di rigore scientifico, nè, ancor meno, pretesa di completezza ed esaustività;  ma restano sempre graditi i consigli e i suggerimenti di tutti. Non vuole rivolgersi agli operatori del diritto, anche se, probabilmente, potrebbero anche trovarvi spunti interessanti per il loro agire quotidiano. Non vuole nemmeno essere uno strumento di pedante e noiosa didattica: i testi su cui apprendere sono ben altri e di diverso e molto più elevato livello. Infine, non vuole rappresentare un modo per fare “pratica” del diritto, una sorta di  esercitazione “sul campo” per studenti e apprendisti; i quali, per tale loro necessità, farebbero meglio a guardare verso sedi più appropriate e competenti.

Molto più modestamente e con grande umiltà, il blog vorrebbe solo “informare”; e già questa idea non appare per nulla di semplice realizzazione. Vorrebbe fornire al cittadino gli strumenti critici per interpretare la realtà che lo circonda, partendo dai fatti noti  (e, se non noti, renderli tali)   e cercando di capire le complesse dinamiche che possono averli determinati. Fornire al cittadino, che così si può definire solo se libero e consapevole, le cognizioni indispensabili, ma necessarie, per interagire con i fenomeni sociali di cui è, nello stesso tempo, protagonista e destinatario per tutte le loro possibili implicazioni. Con una particolare inclinazione per i fenomeni che attengono alla organizzazione della società, ai rapporti fra i consociati e alla loro pacifica e civile convivenza: in altre parole, per le norme giuridiche, per quelle “regole del diritto” che governano i rapporti sociali, sempre e comunque, direttamente o indirettamente, in maniera chiara o, a volte, oscura. Informare per capire, capire per essere informati; avere una visione delle cose, senza alcun timore di averne una personale, e quindi giocoforza  “di parte”, purché documentata, motivata, seria e sostenibile, ancorché sempre aperta al confronto e al miglioramento.

Certo, il compito di informare è assolto  (o dovrebbe essere assolto)   in via principale dai grandi media nazionali; ma, sul punto specifico, vi sono evidenti lacune. Le questioni strettamente giuridiche vengono relegate sulle riviste specialistiche, per addetti ai lavori, poco note e poco accessibili al grande pubblico. I più diffusi quotidiani e periodici trattano spesso argomenti con “implicazioni giuridiche”, però talvolta con una certa superficialità, talaltra presupponendo, e quindi omettendo, concetti basilari per la loro comprensione, in certi casi fornendo interpretazioni non corrette o addirittura errate. La televisione non dispone del linguaggio adatto  (almeno nella gran parte dei programmi) per la trattazione appropriata di tali argomenti: i titoli gridati e i confronti basati più sul tono e sul volume della voce che sulla bontà delle argomentazioni, sicuramente, non giovano alla bisogna.

Non resta che augurare buona sorte al blog per la difficile impresa.

Annunci

Informazioni su depretore

freeman
Questa voce è stata pubblicata in Introduzione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...